MILLE BACI, di Patrizia Cirulli. Introduzione (22. 3.2016)

I MILLE BACI dei poeti, incontro di Patrizia Cirulli. Introduzione (22. 3.2016)

Nella dialettica degli opposti, che più volte ho esaltato a proposito di Autori presentati nel mio salotto, ben si colloca anche Patrizia Cirulli, cantautrice milanese dalla voce “insolita e straordinaria” come la definì un giorno Lucio Dalla, la quale si muove con modalità espressive, nel campo della musica leggera e d’autore, tra i due opposti, appunto, della profondità e della leggerezza.

Finalista al Premio Tenco 2013 nella sezione “interpreti” con il disco “Qualcosa che vale”, rilettura in chiave acustica dell’album “E già” di Lucio Battisti, Patrizia Cirulli aveva già vinto per due volte, nel 2010 e nel 2013, il Premio Lunezia, nella categoria “Musicare i Poeti”.

Ma i meritati premi di Patrizia quasi non si contano, dopo avere partecipato ai principali festival di musica d’autore italiani e internazionali (Premio Bindi, Bianca D’Aponte, Botteghe D’Autore, Premio Donida, Muenchen Festival, Premio Poggio Bustone, etc.) distinguendosi sempre per il miglior testo e la miglior composizione musicale.

“Mille Baci” è il titolo del suo nuovo album uscito il 22 gennaio di quest’anno dove la cantautrice è interprete, compositrice e produttrice. Grandi nomi della poesia italiana ed internazionale firmano i testi delle canzoni di questo lavoro unico nel suo genere.

Infatti, di fronte alla bellezza di certe parole di Garcia Lorca, di Salvatore Quasimodo, di Gabriele D’Annunzio, di Oscar Wilde, di Charles Baudlaire, di Frida Kahlo, di Fernando Pessoa, di Eduardo De Filippo, di Umberto Saba e di altri poeti, Patrizia Cirulli si chiese un giorno se le parole avessero una musica.

La risposta è proprio in questa nuova opera, che ci comunica qualcosa di magico, qualcosa di veramente emozionante.

A me, che sono studioso di musica jazz e, da ultimo, anche di canto, riascoltare, invece che rileggere, alcune poesie di famosi poeti in musica, come se fossero loro stessi a parlarci cantando e ad aver scelto quelle melodie, l’emozione è stata forte. Un’operazione tanto difficile quanto delicata può riuscire solo a chi sia medium con lo spirito del poeta di volta in volta letto anzi… cantato. Patrizia c’è riuscita benissimo e per questo mi sento di dover dare il degno rilievo a quest’opera.

Con sorpresa reincontro poi, nel libretto accompagnatorio del CD, Alessandro Quasimodo, critico letterario e a sua volta poeta in continuità con il celebre padre. Egli accompagnò mia mamma in Ungheria, al premio letterario che porta il suo nome, nell’anno 2000. Fu in esito a questo viaggio che Lorenza Franco – la cui opera recente, cofanetto trilogia, ho presentato il giorno del suo compleanno 24 febbraio, venne tradotta in ungherese con il libro dal titolo Indefinito (che non so però leggervi nel titolo originale).

Di Alessandro Quasimodo trovate, in seconda di copertina del libretto allegato, i lusinghieri apprezzamenti per l’Autrice: egli vede nell’opera della Cirulli un riuscitissimo matrimonio tra Erato, musa della poesia, e Melpomene, protettrice della musica e del canto.

Il primo singolo estratto dall’album si chiama “Deseo”, con testo di Garcia Lorca, ed è cantato insieme a Sergio Muñiz, attore e cantante spagnolo, ma vari altri nomi di importanti musicisti ospiti duettano con Patrizia nell’album.

Non vi dico di più, per non rovinarvi la sorpresa. E magari il resto ce lo dirà la stessa Autrice introducendo le proprie canzoni che questa sera ci omaggerà con lo strumento originario, la chitarra, con cui sono nate.

Una solo cosa, volevo dirvi, per concludere, che forse è la cosa più importante: i poeti… ci insegnano che la bellezza e l’amore sono eterni, trascendono il tempo e qualunque modalità effimera, come ci dice l’Autrice nel libretto allegato.

Patrizia Cirulli ha scoperto che le parole dei poeti, non solo quelle di Catullo dedicate a Lesbia, sono come dei baci, parole che si fanno dono, carezze infinite, mille baci.

avv. Giovanni Bonomo – Candìde C.C.

MILLE BACI1

Lascia un commento

Usiamo i Cookies per assicurarvi la miglior esperienza nel nostro sito. Se continui ad usare il nostro sito significa che sei d'accordo nell'utilizzo. Ok